13/09/2014

Mazzucato: Allevare hobby per i piccoli. La nostra risposta: Normale

Da anni ad ogni fine asta di cavalli da corsa ormai si è sommersi da lugubri commenti sulla fine dell'ippica italiana e sul destino cinico e baro calato come una scure sulla testa dell'allevamento italiano.Il mercato italiano dei cavalli da corsa, Italia, non c’è più da almeno tre anni, come già le aste Aanct lasciavano intendere da 5 o 6 anni. E giu con altre lugubri litanie, a dire che ormai le Aste sono inutili.
Ma in realtà i mercati, a seguito di errori o di situazioni prevedibili e imprevedibili , cambiano ed è imperativo prenderne atto. Adesso il  mercato esiste solo per chi ha da proporre fattrici top, specie con ottima produzione, o al primo prodotto ma con grande carriera e ottima genealogia.
Insomma il top stallone non conta più nulla se non si ha la top fattrice.
Quindi, chi non può mettere in campo questi prodotti se va alle aste deve ad affrontarle, sapendo che va già bene se copre le spese di monta.
E ieri, alle aste ITS,  questa era la speranza: almeno dal 60 in avanti l'importante era liberarsi del puledro e al massimo si poteva sperare finisse in buone mani, per sperare in eventuali premi al traguardo. E questo bene o male è successo ieri....e per questo alla fine della giornata l'aria era più respirabile.
Oggi tirando le somme vedo questa situazione: Se allevi per te stesso non c'è problema, ma bisogna sia chiaro che l'allevamento in Italia è diventato un hobby e come tale lo si deve prendere e interpretare. In Italia è rimasto un mestiere (aleatorio) solo per chi ha la fortuna di possedere o investe (se ha soldi da buttare) in top-fattrici.
Tutto il resto sono le solite chiacchere da bar (senza offesa per l'ottimo mister Truccone che di sigla allevatoria porta il glorioso "Bar").
 
Roberto Mazzucato

Caro Roberto,

ho amici che vanno in barca, qui vicino sul Lago Maggiore, e non hanno mai pensato di guadagnarci. Per la genovese famiglia Costa, per gli Onorato e altri grandi armatori è stata un’altra storia. Questo è ovvio, mi si risponderà. Ma nell’ippica non lo si manda giù o quantomeno non lo mandano giù in tanti. Io invece non ci vedo nulla di male se si alleva con pochi mezzi e tanta passione (e questo vale ancora di più per chi ha i cavalli in pista) e poi si riprendono solo parte delle spese. Mentre chi investe tanti soldi è meglio abbia una prospettiva, altrimenti se i soldi li butta – come da tua parentesi – questi finiscono presto e siamo da capo. Che poi ci debba essere una possibilità di guadagno anche con il figlio di nessuno bene, benissimo, Ma all’interno di un’ottica di gioco, che così divine più intrigante.
Un’ippica di tanti (ma con un reddito extra ippico accettabile, se no è ipocrisia) fondata sulla passione, anziché sull’aleatorio profitto, è un’ippica sana, a mio avviso.

Il problema è che la passione non va mortificata, come invece avviene. Basta vedere certe strutture e ancor più una certa mentalità. Ad esempio aver rinunciato ai colori – salvo poche lodevoli eccezioni – per evitare il disturbo di cambiarsi una camicia è stato criminoso (e tornare indietro sarebbe una riforma a costo zero). La sciatteria di certe premiazioni – ovviamente non penso a casi come Torino o Cesena (che guarda caso hanno pubblico e gioco) – potrebbe essere rimediata anch’essa senza spese. Sono d’accordo con te: a ITS l’aria era discreta. E aggiungo anche le facce erano ben più rassicuranti che in passato, ma su questo ha giocato pure il fatto che il Centro ippico Etrea (sede dell’Asta) non è la sciatta Settimo. E nemmeno era il Grand Hotel, solo c’era il bar con self service al posto del camion con la porchetta. Non c’è tanta differenza? Bene, allora teniamoci il Bar (anche senza dentro l'amico Truccone...).

A.F.

 



Ultime notizie


28/05/2020

La classifica del Repubblica

Comunicata la classifica del Repubblica (in programma martedì 2 giugno all'Arcoveggio di Bologna) con numeri che saranno sorteggiati venerdì...

28/05/2020

Giovedi' riparte Castelluccio, Barracuda Jet e Balto nei centrali

di Mario “Amario” Alderici – Riprendono oggi le corse a Castelluccio, le prove a maggior dotazioni saranno le due per i soggetti di 3...

28/05/2020

Trotto & Turf torna in edicola da martedi' 2 con una nuova proprieta'

Dopo la pausa dovuta alla pandemia con gli ippodromi italiani chiusi, martedì 2 Trotto & Turf torna in edicola con un’edizione di 64 pagine...

26/05/2020

FINALMENTE SI RIPARTE

Finalmente si riparte. Che emozione cliccare sui partenti e veder apparire il proprio cavallo. E’ stato come tornare al primo puledro allevato...

26/05/2020

IL CLOU DEL SABATO DI SOLVALLA E' FEMMINA

Tecnicamente, in assenza della Sweden Cup e piu' delle stesse Harper, il clou del sabato di Solvalla, degno apripista della domenica dell'Elitlopp...

25/05/2020

INTANTO HA STRAVINTO LUI

E sono tre. Dopo Looking Superb e Chief Orlando al via dell'Elitlopp 2020 ci sara' dunque un terzo erede di Orlando Vici, quel Racing Mange che...

25/05/2020

QUANDO L'IMBATTIBILITA' E' UN VIZIO DI FAMIGLIA

Un gran bel vizietto, non c'e' che dire. Ai 9 successi consecutivi di Ecurie D si aggiungono ora i 2 della sorellastra Fascination, a segno oggi...

24/05/2020

I probabili 16 dell'Elitlopp

di Mario “Amario” Alderici - Con gli inviti di Racing Mange (a segno nella Gulddivisionen in 1.09.7) e di Propulsion (del quale avevamo previsto...

23/05/2020

Gavle, nella Gulddivisionen Final si salva RACING MANGE (1.09.7) e guadagna la cartolina rosa per l'Elitlopp

di Mario “Amario” Alderici – La cartolina rosa per l’Elitlopp è per Racing Mange che è stato stranamente snobbato...

23/05/2020

Un calendario ippico pazzesco

Un calendario ippico pazzesco, a vantaggio di pochi (non noti, perchè non vengono fatti nomi e cognomi) che suggeriscono al Mipaaf stronzate a discapito...

23/05/2020

"Ma quei Filly ..." la lettera di Enrico Tuci alla D.ssa Mastromarino

Ma quei Filly....   Carissima Dott.ssa Mastromarino,   Lei immaginerà certamente l’emozione di oggi nel ritrovare tra...

22/05/2020

A VOLTE RITORNANO

Questa vicenda ricalca, per certi versi, quella del leggendario galoppatore americano Seabiscuit e del suo fantino, Red Pollard. In questo caso i due...

22/05/2020

Gavle sabato, la finale Gulddivisionen con almeno un biglietto valido per l'Elitlopp, il prono e le quote di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Sabato a Gavle alla decima corsa (ore 18.20) la finale della Gulddivisionen, gruppo 2, che darà al...

21/05/2020

FINALMENTE dal 25 Maggio riparte l'ippica italiana

FINALMENTE dal 25 Maggio riparte l’ippica italiana Le corse ippiche - a porte chiuse - riprenderanno dal 25 maggio. La decisione è stata...

21/05/2020

I successi italiani in Europa la scorsa settimana (11/05 - 17/05)

di Mario “Amario” Alderici – E’ mancato il successo più importante in Danimarca nella Copenaghen Cup; nelle altre corse...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
antonio@asfina.it Privacy Cookies