12/01/2016

MARCO STEFANI, intervista a uno che sa realizzare i sogni

Il finale alla corda di Sunrise Dancer nel Della Vittoria

di Mario “Amario” Alderici – Corona un sogno il giovane (30 anni) e promettente Marco Stefani che nella sua Emilia Romagna (modenese di nascita e vive a Bologna) con il Della Vittoria centra il suo primo Gran Premio italiano pilotando perfettamente (portandola terza in corda dalla seconda fila e facendole risparmiare il più possibile lungo il percorso per poi lanciarla in preferenziale e far valere spunto più fresco) l’estrema outsider Sunrise Dancer che a quota di oltre 80 contro 1 centra la prima classica italiana del 2016, il gp Vittoria.

Marco, ci speravi in questa vittoria?
No! Avrei messo la firma per entrare nel marcatore. Poi la partenza è andata bene, siamo riuscito a sistemarci terzi alla corda e a quel punto la speranza di piazzarmi ha preso più corpo, aumentando con il passare dei metri perché sentivo la cavalla bella carica in mano. Ai 500 finali Giorgio D’Alessandro che era davanti a me con Real Mede Sm ha iniziato a fare la “mezza ruota” e a quel punto ho iniziato a sperare, dentro di me dicevo “Sposta Giorgio, sposta, sposta”. Quando è andato all’attacco del capofila ho lanciato Sunrise all’interno e a quel punto ho capito che l’avrei vinta. Un sogno che si realizza vincere a Bologna davanti agli amici, alla mia ragazza e al gruppo di ragazzi che hanno acquistato la cavalla e me l’hanno affidata in quella corsa.

Già, perché Sunrise (portata ad un ottimo livello di rendimento da Alessandro Gocciadoro) ha cambiato scuderia.
Sì, l’hanno comprata un gruppo di miei amici; mi avevano chiesto un parere dato che l’avevo guidata in passato e io li ho consigliati di acquistarla. A fine anno mi hanno detto che avrebbe corso un invito e che l’avrei guidata io; mi ero riservato di dare conferma dato che non sapevo se avevo altri impegni per la mia scuderia (la Trio) pensando che dovesse correre una tris; poi ho incontrato nelle scuderie Alessandro Gocciadoro che mi ha chiesto se ero pronto per il gran premio e gli ho risposto “Che gran premio?”, ahhaha, non ci pensavo proprio a correre il Vittoria, figurati a vincerlo.

Riguiderai Sunrise?
Non credo, è stata trasferita in Francia da Souloy. Credo che si adatterà benissimo ai tracciati francesi, poi non si sa mai, di sicuro mi resterà un grande bel ricordo di lei.

Marco Stefani alla premiazione del Della Vittoria

Sei figlio d’arte, quindi un ippico da sempre.
Sì, mio padre Enrico era driver, mio nonno Ezio gentlemen, i miei zii guidavano e anche io l'ho sempre avuto nel sangue. Mio padre poi ha smesso occupandosi di altro, la mia famiglia mi spronava a studiare ma la passione ippica è stata più forte: finita la scuola sono entrato stabilmente alla Green Park e sono diventato allievo.

Poi sei arrivato alla Trio e hai iniziato a correre tra i professionisti migliorandoti sempre più.
Sì, nel 2010 con Battista Congiu, ottimo allenatore, e con il proprietario Iores Bolognesi che mi ha sempre dato fiducia facendomi guidare (anche cavalli di qualità quando avrebbe potuto affidarsi a driver più conclamati) e credo che quando dici che sono progredito dici la verità dato che mi sembra di essere sempre più freddo e riflessivo in corsa. 

E i risultati si vedono: chiudi il 2015 con 60 vittorie, con un bel quadruplo a Trieste e andando vicino ad un piazzamento di prestigio nell’Allevatori Filly con Utopia Trio.
Sì, secondo in corda dietro United Roc  francamente ho sperato molto più in Utopia a Roma che in Sunrise a Bologna. Avevo la cavalla molto carica e credo che avrei potuto vincere, lei di rimessa ha uno spunto molto cattivo e quel giorno era molto carica, purtroppo sulla curva finale ha iniziato a buttarsi su una guida ed ha sbagliato. Ma ci credo molto in Utopia: va forte.

Nel tuo futuro vedi un lavoro anche da allenatore o principalmente da catch driver. Tattica di corsa preferita. A quali driver ti ispiri?
Principalmente mi piace fare il catch driver (la tattica preferita sono le corse in avanti a giostrare con il cronometro), anche se collaborare nell’allenamento è importantissimo per capire al meglio i cavalli che poi guido in corsa. Ora in scuderia è arrivato un trainer di grande esperienza come Paolo Molari e vedremo di apprendere qualcosa da lui. Come driver ho sempre detto che a mio avviso in Italia c’è un poker di guidatori che (senza nulla togliere agli altri) fa proprio la differenza in pista e io cerco di carpirne i segreti: Enrico Bellei, Pippo Gubellini, Roberto Vecchione e Roberto Andreghetti.

Grazie Marco, ci sentiamo al tuo prossimo Gran Premio, magari con la puledra che ti fa sognare, Utopia Trio.
Speriamo che non sia … un’utopia … 



Ultime notizie


14/11/2018

GIUSEPPE PORZIO Jr dalla Sicilia con furore

di Filippo Lago - Il cambio generazionale è senza dubbio uno dei principali problemi che affliggono l'ippica italiana. Ci sono però...

10/11/2018

Arriva la Task Force ippica voluta dal Mipaaf, per il Trotto anche Mazzucato

L'ippica necessita di risposte urgenti. E' l'estrema sintesi di un "tweet" datato metà agosto del Ministro  Mipaaf, il...

08/11/2018

Prima Batteria Coppa di Milano, il ritorno di OWEN'S CLUB, il prono di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Principale motivo di interesse della prima batteria della Coppa di Milano è il ritorno nei quartieri...

08/11/2018

Seconda batteria Coppa di Milano, TAMIA JET vs SHOWMAR, il prono di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Seconda batteria della Coppa Di Milano che si preannuncia come un duello tra Tamia Jet (7) e Showmar (6)....

05/11/2018

Mangelli Filly, prima classica per Zona Da, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Vince la sua prima classica Zona Da in 1.12.6 con seconda parte di gara in 57.3 senza arrivare all’ultimo...

05/11/2018

Mangelli, il ritorno di Zarenne Fas, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – L’anno scorso Zarenne Fas aveva chiuso la stagione vincendo il Gran Criterium, poi era caduto nel...

04/11/2018

Nazioni, lo speed di Uragano Trebì, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Pur al rientro Uragano Trebì ha centrato l’ennesima prova di gruppo confermandosi un gioiello...

31/10/2018

Seconda batteria Mangelli con il volante ZE' MARIA, il prono di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Seconda batteria del Mangelli con parecchi punti di interesse. E’ in crescita esponenziale Ze’...

31/10/2018

Prima Batteria Mangelli con il derbywinner ZLATAN, il prono di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Prima batteria del Mangelli torinese. Il Nastro Azzurro è stato vinto con il solito devastante finish...

31/10/2018

Mangelli Filly rebus, ZONA OK cerca la prima classica, il prono di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Due file complete dietro l’autostart per il Mangelli Filly in programma giovedì a Torno. Generazione...

30/10/2018

GP Nazioni, sarà la volta buona per Timone Ek? il prono di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Nazioni di giovedì a Torino caratterizzato dalla massiccia presenza di allievi di Alessandro Gocciadoro...

30/10/2018

GP ANACT Femminile, tra tante rotture emerge ARIALA CASH SM, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Tanta pioggia su Firenze e una pozza d’acqua posta dopo il via e prima della curva iniziale ha causato...

30/10/2018

GP ANACT Maschile, vince e convince AMANCIO, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Anact Maschi con la bella vittoria di Amancio in 1.15.3; alla seconda uscita in carriera il figlio di Love...

28/10/2018

Gp Anact femmine, ARIALA CASH SM la prima vincitrice classica della generazione A

di Mario “Amario” Alderici - E’ Ariala Cash Sm la prima vincitrice classica della generazione 2016. Si afferma nel Gp Anact Femmine a...

28/10/2018

Gp Anact Maschi, in bello stile AMANCIO in 1.15.3

di Mario “Amario” Alderici - Davvero un bel puledro Amancio che si è affermato con facilità nella prima prova di gruppo per i...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies