15/02/2018

Manuel Pistone «Mi piace guidare. Allenare al mattino? Ha un sapore speciale»

Manuel Pistone

di Filippo Lago - Un giovane e promettente talento. Basterebbero queste parole per descrivere Manuel Pistone, un ragazzo (classe 1990) che ha nel suo curriculum non solo la bellezza di 52 vittorie stagionali (tra le quali un Gruppo II), ma anche importanti collaborazioni con alcuni dei principali team nazionali. Fratello di Giuseppe (altro professionista affermato), Manuel è un ragazzo che fà della serietà la propria carta d’identità, oltre alla  modestia di chi sa di poter contare sul proprio talento perandare lontano... anzi, molto lontano.

Come nasce la tua passione per i cavalli?
Fin da bambino frequentavo gli ippodromi, in modo particolare le scuderie della famiglia Grasso, con la quale c’è un grado di parentela.

Chi è stato il tuo primo maestro?
Iniziai all’età di 17 anni a Palermo con Adolfo Grasso. Lavorai con lui per qualche tempo, fino a quando insieme a mio fratello Giuseppe ci trasferimmo da Toniatti.

Ricordi la tua prima vittoria?
Sì, fu già alla mia seconda corsa. Fu all'Arcoveggio con un cavallo di Enrico Montagna, Iari Ref.

E poi, l’incontro con Andrea Sarzetto...
Gli devo molto. Conoscerlo è stata una fortuna: credette da subito in me, dandomi sempre più fiducia fino a permettermi di divenire prima guida di scuderia.

Una collaborazione che continua...
Esatto, tutt’oggi collaboriamo. Attualmente abbiamo una sessantina di cavalli (puledri compresi) in un centro di allenamento a Musile di Piave,  in provincia di Venezia.

Valchiria Op e Manuel Pistone

Com’è strutturato questo centro?
Due piste, una tonda da chiometro e una dritta da 600 metri con racchetta.

Ti senti più guidatore o allenatore?
Sono due cose diverse. Sinceramente preferisco guidare, ma costruire i cavalli pian piano con il lavoro mattutino e poi portarli in pista ha un sapore speciale...

A chi t’ispiri quando sali in sulky?
In realtà quando scendi in pista non pensi al mondo che ti circonda: cerchi solo di fare bene. Cerco d’imparare da tutti, in particolar modo da mio fratello Giuseppe e poi da due primissime guide: Roberto Vecchione e Enrico Bellei.

Ricorderai quest’anno per due vittorie particolari...
Ho avuto la fortuna di vincere due corse importanti, ovvero la Consolazione delle Oaks con Vallecchia DR e la Finale del Campionato femmile delle tre anni con Valchiria OP (poi appena passata ad Andreghetti, vincitrice della finale Derby, dopo il quale, sempre con Andreghetti, è finita quinta nella batteria del Mangelli e quarta nella finale del Consolazione).

La tua più grande soddisfazione finora dal punto di vista professionale? 
La vittoria ottenuta con Valchiria OP nella Finale del Campionato femminile delle tre anni all’ippodromo del Garigliano quest’estate. Con lei vinsi anche la Batteria, ma vincere la Finale (Gruppo II) è stata un’emozione che ricorderò a lungo.
                                                                                                                                               

Ti senti più siciliano o veneto?
Indubbiamente le origini non si scordano mai. Tuttavia il Veneto è per me una seconda casa.

Quest’estate hai fatto una nuova esperienza...
Esatto, ricevetti dal team Gocciadoro un’occasione che consideravo irripetibile. Il rapportò si interruppe solo sei mesi dopo, ma dal punto di vista professionale è stata un’esperienza che mi ha arricchito molto, permettendomi di lavorare con cavalli importanti.

Dietro ad un grande uomo, c’è sempre una grande donna...
La mia fidanzata Giulia, una figura importantissima. Lavora anche lei da Sarzetto e mi ha sempre seguito, fin dagli inizi. Inoltre mi è sempre stata vicina in ciascuna delle esperienze professionali fatte in questi anni.

Hai sempre avuto in tuo fratello un punto di riferimento
Con Giuseppe ci sentiamo spesso, ovviamente lui sta a Roma dove ha una scuderia per conto suo. In lui ho sempre avuto un esempio da seguire ed abbiamo lavorato insieme per diversi anni. Mi piacerebbe un giorno ritornare a lavorare con lui, magari in una scuderia di famiglia.

Hobby?
Mi piace pescare, giocare a calcio ed uscire con gli amici.

Il tuo sogno nel cassetto...
Vincere “la corsa delle corse”...il Derby.

Magagari ti avessero fatto guidare Valchiria Op anche nel Derby...



Ultime notizie


27/05/2019

Readly Express prospettive dopo il ritiro alle sgambature della Finale Elitloppet

Secondo il giornale francese Le Parisien Ready Express, ritirato dalla finale dell’Elitloppet ieri per evidente zoppia nelle sgambature, non ha ...

27/05/2019

PARTENTI GP Repubblica, se ne va VITRUVIO

di Mario “Amario” Alderici – Dichiarati stamani i partenti del Repubblica per i free for all che ci ricorda che finalmente arriva giugno...

26/05/2019

Dijon, la vecchia conoscenza italiana, ha vinto l'Elitloppet

Dijion, che nel 2017 vinse il Triossi, battendo Ursa Caf, ma quest'inverno fce flop nel Nazioni di Uragano Trebi', ha vinto l'Elitloppet...

26/05/2019

Numeri e partenti della finale Elitloppet. Al betting favorito Readly Express

In testa alle prefernze degli scommetitori c'è Readly Express, ma tallonato da Propulsion, che in batteria ha subito Aubrion du Gers.

26/05/2019

Aubrion du Gers batte Propulsion nella seconda Batteria Elitloppet

Il controfavorito Aubrion du Gers (training dell'onnipresente Bazire) ha battuto il favorito Prpulsion, sebbene al betting i due abbiano chiuso il...

26/05/2019

Il favorito Readly Express nella prima batteria Elitloppet,

La prima batteria è andata al Ready Cash, già favorito della vigiglia, Ready Express. Il vincitore dell'Amérique 2018 ha chiuso...

25/05/2019

Le Batterie dell'Elitloppet, con le genealogia dei partenti e le ultime prestazioni

Nessun italiano nella massima prova scandinava, che lo scorso annoandò a Ringostarr Treb (W. Paal), quando il figlio di Classic Photo della Scarton...

25/05/2019

Sweden Cup alla sorpresa Queer Fish (99 vincente). Arazi è quarto

Dire che gli è venuta male la Finale ad Arazi Boko è poco. Sempre di fuori, poi difficoltà in curva quando il Goccia lo dve portare...

25/05/2019

Arazi Boko terzo in batteria va alla finale della Sweden Cup, che vinse nel 2018

L'inossidabile Arazi Boko è in finale di quella Sweden Cup che lo scorso anno aveva vinto. Alla finale il Varenne nato in Svezia ma italiano...

25/05/2019

ALLEGRA WF di nome e di fatto nel GP Stabile con 600 finali in 42.1

di Mario “Amario” Alderici – Si è risolto in una bella volata di 600 metri in un notevole 42.1 lo Stabile con il successo di Allegra...

24/05/2019

Le Batterie della Sweden Cup, con genealogia, records e somme vinte

Sabato va in scena la Sweden Cup (Gr 1), tre batterie e finale. È la giornta che precede l'Elitloppet, il massimo evento sacandinavo. Solo due...

24/05/2019

Pagella Unione Europea, Face Time battuto da Zacon Gio su curve miracolose

di Mario “Amario” Alderici – Il boato della folla sull’ultima curva fa capire come il pubblico ippico si emozioni ancora quando...

24/05/2019

Confermati Gp Repubblica, Vitruvio all'8

di Mario “Amario” Alderici – Ventotto i confermati al Repubblica di domenica 2 a Bologna con rimasto a uno sfavorevole 8 Vitruvio che...

23/05/2019

Podio tutto Gocciadoro nell'Unione Europea Filly con in vetta Zaniah Bi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Si rivede con piacere in un winner circle italiano Mauro Biasuzzi grazie a Zaniah Bi che vince facile e...

22/05/2019

Cacciari, coast to coast di Audrey Effe, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Cacciari senza storia nel quale Audrey Effe, dopo aver preso il comando, ha portato il cronometro dalla...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies