08/03/2018

Filippo Rocca, nel nome della tradizione

di Filippo Lago - Quando negli anni Settanta Ernesto Rocca (scomparso il 22 ottobre 2015), fondò la scuderia Sant’Eusebio, forse non immaginava che in pochi anni potesse divenire una delle scuderie italiane che avrebbero scritto alcune tra le più importanti pagine di storia del nostro trotto. Sono tanti i targati “Roc” che in questi anni hanno ottenuto risultati di prim’ordine in Italia e all’estero, cosi come immenso sarà stato il conforto che ebbe il Signor Ernesto nel vedere germogliare nei figli Luca e Marco prima e nell’amatissimo nipote Filippo poi, il seme della passione ippica. Lo stesso Filippo (classe 93) che pochi giorni or sono, ha saputo cogliere il suo primo successo all’ippodromo di Vincennes, uno dei più prestigiosi ippodromi al mondo con una cavalla fatta in casa, Royal Roc.

Filippo, raccontaci le emozioni nel vincere il Prix de Senlis a Parigi                                                               
Vincere a Vincennes con una cavalla di casa nel bel mezzo del Meeting d’Hiver, è un’emozione indescrivibile.

Una cavalla allenata da Lucio Becchetti
Lei assieme a Tino Roc, abbiamo deciso di mandarli a Lucio Becchetti, grande professionista che ha la possibilità di effettuare il lavoro al mare.

Raccontami le tue origini ippiche
Mio nonno fondò la scuderia Sant’Eusebio che poi trovò una continuità con la passione di mio padre e mio zio. Io sono sempre stato interessato ai cavalli e una volta terminato il Liceo Scentifico, ho iniziato gli studi universitari ma il richiamo loro è stato troppo forte ed abbandonai l’Università.

Nella vostra giubba, vi è una torre color oro. Perchè?
Simboleggia il campanile della Parrocchia di Sant’Eusebio di Agrate Brianza di cui siamo nativi, a cui mio nonno volle dedicare la scuderia.

Ti piace anche salire in sulky
All’età di 18 anni presi la licenza gentleman, poi con il conseguimento delle ottanta vittorie diventai professionista ad aprile dello scorso anno.

Dove avete il vostro quartier generale?
A Trucazzano, in provincia di Milano. Il centro mette a disposizione 70 box, una pista tonda da Km e una dritta fondamentale per forgiare la muscolatura dei cavalli oltre a diversi paddock.

Quanti cavalli avete?
Una cinquantina dei quali trenta sono in attività e venti sono puledri.

Con questi numeri è fondamentale un’ottima organizzazione
Fausto Barelli si occupa dei soggetti in corsa, mentre Tiberio Cecere dei puledri. Ad essi si aggiunge un bel gruppo di lavoro formato oltre che dagli artieri, anche dal maniscalco Alessandro Romoli. Io invece, mi occupo di seguire l’aspetto manageriale della scuderia.

Chi si occupa della salute dei vostri cavalli?
Il Dott. Salvadori si occupa della respirazione, mentre i problemi articolari sono seguiti da diversi professionisti, quali il Dott. Giorgio Strozzi, Dott. Sergio Orsi ed infine il Dott. Giuseppe Bassetti.

Nel 2017 siete stati la prima scuderia in Italia per somme vinte con 800 mila euro
Una stagione eccezzionale. Abbiamo vinto diversi Gran Premi. Il Riccardo Grassi e il Due Mari con Tamure Roc, vincitrice anche della propria batteria del Palio dei Comuni di Montegiorgio ed ottima seconda in finale dietro a Peace of Mind. United Roc ha ottenuto diversi piazzamenti classici (seconda nel Città di Cesena alle spalle di Uragano Trebì e piazzata anche nel Gran Premio Nello Bellei e nel Continentale). Villa Santina Jet ha vinto in 1.13.4 ad Aversa il Gran Premio Stabile con Vincenzo Luongo in sulky, Zarina Roc ha ottenuto ottimi piazzamenti nel Gran Criterium Filly (vinto da Ziva EK) e nell’Allevatori Filly (vinto dalla figlia di Nad Al Sheba, Ziman) insomma un’annata intensa.

Anche il 2018 è iniziato alla grande con la vittoria di Venivici Roc nel Gran Premio Firenze
Crediamo molto in questo figlio di Nad Al Sheba e la vittoria giunta inaspettatamente a Firenze testimonia le qualità di questo soggetto, già vincitore di 8 delle 21 corse fin qui disputate.

Taylor Roc, Venivici Roc...avete un buon feeling con i figli di Nad Al Sheba
Uno stallone in cui abbiamo puntato fin da subito. I suoi prodotti sono soggetti dal gran motore, anche se a volte hanno un carattere particolare.

Paris Roc, una cavalla rigenerata dalla scoperta del trotto montato
E’ una specialista del montato, recentemente vincitrice a Roma in 14.3 sulla distanza dei 2100 metri con il suo interprete abituale in questa specialità, Santo Mollo. E’ la cavalla italiana più vincente in questa disciplina. 

Oltre alla scuderia, avete anche alcune fattrici. Dove le tenete?
Abbiamo una ventina di fattrici che teniamo presso l’Allevamento BAR della famiglia Truccone a Vigone.

Chi si occupa degli incroci?
Mio padre! È lui che studia le genealogie.

Il tuo cavallo del cuore?
Filipp Roc! Per due ragioni. Innanzitutto per il nome e in secondo luogo per le gioie che ha regalato alla nostra famiglia vincendo ripetutamente gran premi in tutta Italia.

Nel 2010 stabilì anche il record del mondo sulla media distanza con i nastri
Si, fece 1.12.1 sui 2100 metri con partenza da fermo con Marco Smorgon all’ippodromo di Vinovo.

Da anni ormai, si sta mettendo in evidenza anche come stallone
Il cavallo funziona presso l’Allevamento le Fontanette e in questi anni ha già prodotto cavalli importanti: Royal Roc, United Roc, Zarina Roc, Tino Roc, Tesauro, Uno dei Bar, solo per citarne alcuni.

Il tasso di monta?
A trattativa privata.

Cosa ne pensi dell’abolizione di tanti vincoli nel repertorio degli stalloni?
E’ presto per esprimere un giudizio. Tuttavia “egoisticamente” la ritengo una cosa positiva perchè abbiamo in progetto di mettere in razza un altro nostro cavallo, Iper Roc. Il figlio di Lemon Dra non ha vinto Gruppi 1, perciò fino a poco tempo fa non poteva fare lo stallone, ora lo può fare e vista la sua grande genealogia unita ad una morfologia esemplare, ci fanno ben sperare per un futuro in razza.

La tua idea circa la classificazione degli ippodromi?
Anche qui è presto per sbilanciarsi. Mi spiace soprattutto per la penalizzazione di Milano e la considero una “batosta” non solo per il trotto lombardo, ma per l’intero movimento.

Grazie Filippo, la tradizione continua!



Ultime notizie


27/05/2019

Readly Express prospettive dopo il ritiro alle sgambature della Finale Elitloppet

Secondo il giornale francese Le Parisien Ready Express, ritirato dalla finale dell’Elitloppet ieri per evidente zoppia nelle sgambature, non ha ...

27/05/2019

PARTENTI GP Repubblica, se ne va VITRUVIO

di Mario “Amario” Alderici – Dichiarati stamani i partenti del Repubblica per i free for all che ci ricorda che finalmente arriva giugno...

26/05/2019

Dijon, la vecchia conoscenza italiana, ha vinto l'Elitloppet

Dijion, che nel 2017 vinse il Triossi, battendo Ursa Caf, ma quest'inverno fce flop nel Nazioni di Uragano Trebi', ha vinto l'Elitloppet...

26/05/2019

Numeri e partenti della finale Elitloppet. Al betting favorito Readly Express

In testa alle prefernze degli scommetitori c'è Readly Express, ma tallonato da Propulsion, che in batteria ha subito Aubrion du Gers.

26/05/2019

Aubrion du Gers batte Propulsion nella seconda Batteria Elitloppet

Il controfavorito Aubrion du Gers (training dell'onnipresente Bazire) ha battuto il favorito Prpulsion, sebbene al betting i due abbiano chiuso il...

26/05/2019

Il favorito Readly Express nella prima batteria Elitloppet,

La prima batteria è andata al Ready Cash, già favorito della vigiglia, Ready Express. Il vincitore dell'Amérique 2018 ha chiuso...

25/05/2019

Le Batterie dell'Elitloppet, con le genealogia dei partenti e le ultime prestazioni

Nessun italiano nella massima prova scandinava, che lo scorso annoandò a Ringostarr Treb (W. Paal), quando il figlio di Classic Photo della Scarton...

25/05/2019

Sweden Cup alla sorpresa Queer Fish (99 vincente). Arazi è quarto

Dire che gli è venuta male la Finale ad Arazi Boko è poco. Sempre di fuori, poi difficoltà in curva quando il Goccia lo dve portare...

25/05/2019

Arazi Boko terzo in batteria va alla finale della Sweden Cup, che vinse nel 2018

L'inossidabile Arazi Boko è in finale di quella Sweden Cup che lo scorso anno aveva vinto. Alla finale il Varenne nato in Svezia ma italiano...

25/05/2019

ALLEGRA WF di nome e di fatto nel GP Stabile con 600 finali in 42.1

di Mario “Amario” Alderici – Si è risolto in una bella volata di 600 metri in un notevole 42.1 lo Stabile con il successo di Allegra...

24/05/2019

Le Batterie della Sweden Cup, con genealogia, records e somme vinte

Sabato va in scena la Sweden Cup (Gr 1), tre batterie e finale. È la giornta che precede l'Elitloppet, il massimo evento sacandinavo. Solo due...

24/05/2019

Pagella Unione Europea, Face Time battuto da Zacon Gio su curve miracolose

di Mario “Amario” Alderici – Il boato della folla sull’ultima curva fa capire come il pubblico ippico si emozioni ancora quando...

24/05/2019

Confermati Gp Repubblica, Vitruvio all'8

di Mario “Amario” Alderici – Ventotto i confermati al Repubblica di domenica 2 a Bologna con rimasto a uno sfavorevole 8 Vitruvio che...

23/05/2019

Podio tutto Gocciadoro nell'Unione Europea Filly con in vetta Zaniah Bi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Si rivede con piacere in un winner circle italiano Mauro Biasuzzi grazie a Zaniah Bi che vince facile e...

22/05/2019

Cacciari, coast to coast di Audrey Effe, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Cacciari senza storia nel quale Audrey Effe, dopo aver preso il comando, ha portato il cronometro dalla...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies