24/11/2018

Tutti gli ''aggiornamenti'' di Tuci in una lettera a Il Trotter di Vendopuledri

Errico Tuci presidente di Imprenditori ippici e (a sinistra) Alessandro Ferrario, Il Trotter

Carissimo Enrico,
ti ringrazio per avermi corretto, nella lettera che qui sotto riporto, lo svarione Poggio/Ronco. Per il resto, constato che anche qui nulla più mi dici della battaglia per la privatizzazione, motivo per cui ti ho citato scrivendo di Ippica Nuova e Giorgio Sandi. Al contrario vedo che oggi ti preme aggiornarmi sulla tua amicizia con Sandi. Ottimo, pensa che io ero fermo a quando dai microfoni di Unire Tv Sandi, che ora chiami Giorgio, ti definiva “il camiciaio” (infelice e immeritato sarcasmo, come a suo tempo scrissi, link 1Link 2, ma riconosco che di tempo ne sia passato). Di più, mi aggiorni informandomi che l’associazione da te presieduta, Imprenditori ippici, ha molto contribuito a rendere più tempestivi i pagamenti ministeriali. E ancora mi aggiorni sul fatto che, grazie ai buoni rapporti con il Ministero (per la precisione con la “Nuova Burocrazia”), costruiti in oltre 5 anni di attività durante la quale del Mipaaf avete detto (spesso a ragione) peste e corna, Imprenditori ippici abbia corretto le peggiori storture della programmazione tecnica.
Ma soprattutto pubblico con piacere la tua lettera perché ne traggo una conferma: facciamo due lavori diversi. Io il (povero e distratto) giornalista, che come recita l’art. 1 della Legge costitutiva della professione si attiene alla “verità sostanziale dei fatti”, anche se datati aggiungo io. Tu ti occupi di politica: attività che non richiede come la mia di essere aggiornati ma di “aggiornarsi”.

Saluti
Alessandro Ferrario

Carissimo Alessandro,
ti ringrazio per l’attenzione pregandoti gentilmente di pubblicare per intero questa mia lettera.
Probabilmente, almeno da quello che appare dal tuo articolo apparso lo scorso 21 novembre sul tuo sito, non sei molto informato sulle attività e gli impegni di Imprenditori Ippici Italiani ne di quello che sta accadendo nel settore.
Siamo da cinque anni e mezzo sul pezzo, pronti a denunciare le numerose malefatte del vecchio sistema, molte delle quali finalmente condivise dalla maggior parte del settore e, da diversi mesi, anche dalla testata giornalistica storica.
Siamo inoltre, fin dall’insediamento, in stretto contatto con la nuova squadra del Ministro per sostenerla e indicar loro gli interventi più urgenti da fare. 
Grazie a Dio, e soprattutto grazie all’impegno di quella squadra, mi sembra che i risultati si siano visti specialmente sul fronte dei pagamenti dei Premi e per aver finalmente tamponato i danni terribili generati da quella “buffonata” conosciuta come “classificazione degli ippodromi” voluta prima da Castiglione e poi “usata” dalla vecchia struttura per modificare, sempre in negativo, il panorama delle nostre corse e dei nostri Gran Premi, arrivando persino ad inventare un Derby che non piace a nessuno, a cancellare senza motivo una corsa storica come il Marangoni e addirittura a generare dei nuovi Gran Premi privi di alcun senso logico. 
Siamo sempre in prima linea, Caro Alessandro, mi dispiace per gli accaniti sostenitori della vecchia burocrazia ministeriale, sempre pronti a denigrarci e ad offenderci ogni volta che abbiamo denunciato e reso pubbliche le loro numerose malefatte, mi dispiace soprattutto per quei lacchè che oggi fanno finta di sposare le idee della nuova guardia adeguandosi al nuovo come è logico nel loro fasullo modo di essere e di fare.
Noi, in rappresentanza delle 245 Aziende da noi rappresentate, continueremo ad essere sul fronte dell’impegno a favore del bene comune. Per cambiare, in meglio, certamente non per proseguire in quella disastrosa strada che puzzava sempre più di misero clientelismo.
Per concludere approfitto dell’occasione per salutare l’iniziativa, da me stesso caldeggiata e sostenuta nei mesi scorsi, che ha portato alla nascita di IPPICA NUOVA, compagine a mio avviso perfettamente impostata per il ruolo che deve svolgere che è completamente diverso dal nostro.
Si tratta di una compagine con la quale auspichiamo di collaborare strettamente così come abbiamo sempre fatto con tutti coloro che vogliono il bene del settore.
Mentre continueremo ad attaccare tutti coloro che approfittano dei vuoti gestionali e delle “disponibilità” della struttura ministeriale per portare a casa dei vantaggi che penalizzano il bene comune.
Resto a disposizione per eventuali approfondimenti nel momento in cui tu volessi entrare nel merito delle cose anzichè sparare considerazioni che, credimi, non stanno ne in cielo ne in terra.
A proposito, l’allevamento di Giorgio si chiama “Il Poggio” non “Il Ronco”, questo è di proprietà del nostro Socio Marelli.
 
Un abbraccio
Enrico Tuci
 


Ultime notizie


27/05/2019

Readly Express prospettive dopo il ritiro alle sgambature della Finale Elitloppet

Secondo il giornale francese Le Parisien Readly Express, ritirato dalla finale dell’Elitloppet ieri per evidente zoppia nelle sgambature, non ha...

27/05/2019

PARTENTI GP Repubblica, se ne va VITRUVIO

di Mario “Amario” Alderici – Dichiarati stamani i partenti del Repubblica per i free for all che ci ricorda che finalmente arriva giugno...

26/05/2019

Dijon, la vecchia conoscenza italiana, ha vinto l'Elitloppet

Dijion, che nel 2017 vinse il Triossi, battendo Ursa Caf, ma quest'inverno fce flop nel Nazioni di Uragano Trebi', ha vinto l'Elitloppet...

26/05/2019

Numeri e partenti della finale Elitloppet. Al betting favorito Readly Express

In testa alle prefernze degli scommetitori c'è Readly Express, ma tallonato da Propulsion, che in batteria ha subito Aubrion du Gers.

26/05/2019

Aubrion du Gers batte Propulsion nella seconda Batteria Elitloppet

Il controfavorito Aubrion du Gers (training dell'onnipresente Bazire) ha battuto il favorito Prpulsion, sebbene al betting i due abbiano chiuso il...

26/05/2019

Il favorito Readly Express nella prima batteria Elitloppet,

La prima batteria è andata al Ready Cash, già favorito della vigiglia, Ready Express. Il vincitore dell'Amérique 2018 ha chiuso...

25/05/2019

Le Batterie dell'Elitloppet, con le genealogia dei partenti e le ultime prestazioni

Nessun italiano nella massima prova scandinava, che lo scorso annoandò a Ringostarr Treb (W. Paal), quando il figlio di Classic Photo della Scarton...

25/05/2019

Sweden Cup alla sorpresa Queer Fish (99 vincente). Arazi è quarto

Dire che gli è venuta male la Finale ad Arazi Boko è poco. Sempre di fuori, poi difficoltà in curva quando il Goccia lo dve portare...

25/05/2019

Arazi Boko terzo in batteria va alla finale della Sweden Cup, che vinse nel 2018

L'inossidabile Arazi Boko è in finale di quella Sweden Cup che lo scorso anno aveva vinto. Alla finale il Varenne nato in Svezia ma italiano...

25/05/2019

ALLEGRA WF di nome e di fatto nel GP Stabile con 600 finali in 42.1

di Mario “Amario” Alderici – Si è risolto in una bella volata di 600 metri in un notevole 42.1 lo Stabile con il successo di Allegra...

24/05/2019

Le Batterie della Sweden Cup, con genealogia, records e somme vinte

Sabato va in scena la Sweden Cup (Gr 1), tre batterie e finale. È la giornta che precede l'Elitloppet, il massimo evento sacandinavo. Solo due...

24/05/2019

Pagella Unione Europea, Face Time battuto da Zacon Gio su curve miracolose

di Mario “Amario” Alderici – Il boato della folla sull’ultima curva fa capire come il pubblico ippico si emozioni ancora quando...

24/05/2019

Confermati Gp Repubblica, Vitruvio all'8

di Mario “Amario” Alderici – Ventotto i confermati al Repubblica di domenica 2 a Bologna con rimasto a uno sfavorevole 8 Vitruvio che...

23/05/2019

Podio tutto Gocciadoro nell'Unione Europea Filly con in vetta Zaniah Bi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Si rivede con piacere in un winner circle italiano Mauro Biasuzzi grazie a Zaniah Bi che vince facile e...

22/05/2019

Cacciari, coast to coast di Audrey Effe, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Cacciari senza storia nel quale Audrey Effe, dopo aver preso il comando, ha portato il cronometro dalla...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies