12/12/2018

SIMONE MOLLO un avvenire scritto con un filo di Lana

Simone Mollo

di Filippo Lago - Figlio d'arte cresciuto alla sapiente scuola di papà Santo, arteficie di tanti cavalli importanti, Simone Mollo è ad oggi uno dei migliori giovani talenti ai quali il futuro della nostra ippica è affidato. Il peso del proprio cognome che riconduce gli appassionati e addetti ai lavori ad una delle famiglie destinate a lasciare un'impronta decisiva nell'ippica italiana, sembra non turbare il giovane Simone, considerati i risultati in pista finora ottenuti nella categoria allievi.

Simone, in un certo senso sei un predestinato...
Iniziai a frequentare l'ippodromo fin dall'età di tre anni. A cinque invece, già passeggiavo i primi cavalli. 

Hai avuta la possibilità di assistere da molto vicino alle gesta di una campionessa, Lana Del Rio. Cosa ricordi di quel periodo?
Ero un bambino. Avevo undici anni. Si trattò di un'autentica fuoriclasse, per lei parlano i risultati conseguiti durante la carriera agonistica. Al contempo però, era una cavalla non facile da gestire. Ci diede tantissime soddisfazioni. Quella che ricordo con maggior piacere è la vittoria del Derby. In quell'occasione tutta la famiglia scese a Roma per assistere alla corsa. Alla fine gioimmo tutti assieme. 

Quando hai deciso di dedicarti definitivamente al lavoro di scuderia e quindi di seguire le orme di tuo padre?
A dieci anni avevo già le idee chiare. A sedici abbandonai gli studi, iniziando a dedicarmi a tempo pieno al lavoro di scuderia. 

Quindi ora collabori alla gestione di scuderia, giusto?
Esatto, ci troviamo all'ippodromo di Vinovo. Attualmente abbiamo sedici cavalli, quattro di questi sono puledri. 

Preferisci il lavoro mattutino o la guida?
Il lavoro di scuderia ha un fascino particolare, in quanto ti permette di instaurare un rapporto più intenso con il cavallo. Tuttavia dovendo scegliere, preferisco guidare. 

Ricordi la prima vittoria?
Guidavo per la prima volta all'ippodromo Paolo VI di Taranto. In quella occasione salivo in sulky a Trinacria Font, una figlia di Napoleon affidatami da Federico Marangi. 

Come definiresti il tuo stile di guida?
Sono piuttosto freddo e riflessivo.

E il tuo approccio alla corsa?
Cerco di non lasciare nulla al caso. Studio in modo approfondito gli avversari facendomi un'idea circa il possibile svolgimento di gara. Tuttavia non bisogna abbassare la guardia, in corsa qualunque imprevisto può succedere e mandare all'aria i piani studiati alla vigilia. A quel punto bisogna soltanto improvvisare. 

Come vedi il tuo futuro professionale?
L'avrei visto meglio in Francia, anche se per la verità, giungono delle notizie inerenti una diminuzione del taglio relativo al montepremi francese per il prossimo anno, che non fa ben sperare nemmeno i cugini d'oltralpe.

Hai mai valutato l'ipotesi di un trasferimento all'estero?
Ho meditato a lungo su questo aspetto. Sono giunto alla conclusione che per effettuare un trasferimento in pianta stabile lontano da casa, serve un grande coraggio. Poi in seconda battuta ma non meno importante, mi dispiacerebbe lasciare la nostra scuderia. 

Vi sono delle somiglianze tra te e tuo padre nella guida?
Siamo piuttosto diversi. Se vogliamo trovare un punto in comune, credo si tratti del modo in cui sosteniamo i cavalli nelle battute conclusive della corsa. In questo siamo piuttosto simili. Poi lui è mancino, io no...ma questa è un'altra storia. 

Sei piu teso quando vedi in pista tuo padre o quando scendi in pista tu?
Indubbiamente quando vedo correre lui. Io una volta entrato in pista, mi concentro e mi racchiudo nella mia concentrazione senza pensare ad altro. 

Sono tante le persone che in questo periodo ti hanno dato e continuano a darti fiducia, concordi?
Sarebbero tante le persone e le scuderie da ringraziare per la fiducia accordatami. Ad essi va il mio più grande ringraziamento. Mi sia concesso però, di esprimere un pensiero particolare ed un "grande grazie", in modo particolare a Fausto Barelli e a tutto il team Rocca, per il modo in cui sono preparati i loro cavalli e la qualità che essi hanno, che riscontro ogni volta che mi ritrovo a guidare un loro effettivo. 

La corsa che vorresti vincere?
Non che vorrei vincere, ma che mi farebbe felice anche soltanto di correre...il Grand Prix d'Amerique. 

In bocca al lupo Simone!  

  



Ultime notizie


27/05/2019

Readly Express prospettive dopo il ritiro alle sgambature della Finale Elitloppet

Secondo il giornale francese Le Parisien Readly Express, ritirato dalla finale dell’Elitloppet ieri per evidente zoppia nelle sgambature, non ha...

27/05/2019

PARTENTI GP Repubblica, se ne va VITRUVIO

di Mario “Amario” Alderici – Dichiarati stamani i partenti del Repubblica per i free for all che ci ricorda che finalmente arriva giugno...

26/05/2019

Dijon, la vecchia conoscenza italiana, ha vinto l'Elitloppet

Dijion, che nel 2017 vinse il Triossi, battendo Ursa Caf, ma quest'inverno fce flop nel Nazioni di Uragano Trebi', ha vinto l'Elitloppet...

26/05/2019

Numeri e partenti della finale Elitloppet. Al betting favorito Readly Express

In testa alle prefernze degli scommetitori c'è Readly Express, ma tallonato da Propulsion, che in batteria ha subito Aubrion du Gers.

26/05/2019

Aubrion du Gers batte Propulsion nella seconda Batteria Elitloppet

Il controfavorito Aubrion du Gers (training dell'onnipresente Bazire) ha battuto il favorito Prpulsion, sebbene al betting i due abbiano chiuso il...

26/05/2019

Il favorito Readly Express nella prima batteria Elitloppet,

La prima batteria è andata al Ready Cash, già favorito della vigiglia, Ready Express. Il vincitore dell'Amérique 2018 ha chiuso...

25/05/2019

Le Batterie dell'Elitloppet, con le genealogia dei partenti e le ultime prestazioni

Nessun italiano nella massima prova scandinava, che lo scorso annoandò a Ringostarr Treb (W. Paal), quando il figlio di Classic Photo della Scarton...

25/05/2019

Sweden Cup alla sorpresa Queer Fish (99 vincente). Arazi è quarto

Dire che gli è venuta male la Finale ad Arazi Boko è poco. Sempre di fuori, poi difficoltà in curva quando il Goccia lo dve portare...

25/05/2019

Arazi Boko terzo in batteria va alla finale della Sweden Cup, che vinse nel 2018

L'inossidabile Arazi Boko è in finale di quella Sweden Cup che lo scorso anno aveva vinto. Alla finale il Varenne nato in Svezia ma italiano...

25/05/2019

ALLEGRA WF di nome e di fatto nel GP Stabile con 600 finali in 42.1

di Mario “Amario” Alderici – Si è risolto in una bella volata di 600 metri in un notevole 42.1 lo Stabile con il successo di Allegra...

24/05/2019

Le Batterie della Sweden Cup, con genealogia, records e somme vinte

Sabato va in scena la Sweden Cup (Gr 1), tre batterie e finale. È la giornta che precede l'Elitloppet, il massimo evento sacandinavo. Solo due...

24/05/2019

Pagella Unione Europea, Face Time battuto da Zacon Gio su curve miracolose

di Mario “Amario” Alderici – Il boato della folla sull’ultima curva fa capire come il pubblico ippico si emozioni ancora quando...

24/05/2019

Confermati Gp Repubblica, Vitruvio all'8

di Mario “Amario” Alderici – Ventotto i confermati al Repubblica di domenica 2 a Bologna con rimasto a uno sfavorevole 8 Vitruvio che...

23/05/2019

Podio tutto Gocciadoro nell'Unione Europea Filly con in vetta Zaniah Bi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Si rivede con piacere in un winner circle italiano Mauro Biasuzzi grazie a Zaniah Bi che vince facile e...

22/05/2019

Cacciari, coast to coast di Audrey Effe, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Cacciari senza storia nel quale Audrey Effe, dopo aver preso il comando, ha portato il cronometro dalla...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies