12/12/2018

SIMONE MOLLO un avvenire scritto con un filo di Lana

Simone Mollo

di Filippo Lago - Figlio d'arte cresciuto alla sapiente scuola di papà Santo, arteficie di tanti cavalli importanti, Simone Mollo è ad oggi uno dei migliori giovani talenti ai quali il futuro della nostra ippica è affidato. Il peso del proprio cognome che riconduce gli appassionati e addetti ai lavori ad una delle famiglie destinate a lasciare un'impronta decisiva nell'ippica italiana, sembra non turbare il giovane Simone, considerati i risultati in pista finora ottenuti nella categoria allievi.

Simone, in un certo senso sei un predestinato...
Iniziai a frequentare l'ippodromo fin dall'età di tre anni. A cinque invece, già passeggiavo i primi cavalli. 

Hai avuta la possibilità di assistere da molto vicino alle gesta di una campionessa, Lana Del Rio. Cosa ricordi di quel periodo?
Ero un bambino. Avevo undici anni. Si trattò di un'autentica fuoriclasse, per lei parlano i risultati conseguiti durante la carriera agonistica. Al contempo però, era una cavalla non facile da gestire. Ci diede tantissime soddisfazioni. Quella che ricordo con maggior piacere è la vittoria del Derby. In quell'occasione tutta la famiglia scese a Roma per assistere alla corsa. Alla fine gioimmo tutti assieme. 

Quando hai deciso di dedicarti definitivamente al lavoro di scuderia e quindi di seguire le orme di tuo padre?
A dieci anni avevo già le idee chiare. A sedici abbandonai gli studi, iniziando a dedicarmi a tempo pieno al lavoro di scuderia. 

Quindi ora collabori alla gestione di scuderia, giusto?
Esatto, ci troviamo all'ippodromo di Vinovo. Attualmente abbiamo sedici cavalli, quattro di questi sono puledri. 

Preferisci il lavoro mattutino o la guida?
Il lavoro di scuderia ha un fascino particolare, in quanto ti permette di instaurare un rapporto più intenso con il cavallo. Tuttavia dovendo scegliere, preferisco guidare. 

Ricordi la prima vittoria?
Guidavo per la prima volta all'ippodromo Paolo VI di Taranto. In quella occasione salivo in sulky a Trinacria Font, una figlia di Napoleon affidatami da Federico Marangi. 

Come definiresti il tuo stile di guida?
Sono piuttosto freddo e riflessivo.

E il tuo approccio alla corsa?
Cerco di non lasciare nulla al caso. Studio in modo approfondito gli avversari facendomi un'idea circa il possibile svolgimento di gara. Tuttavia non bisogna abbassare la guardia, in corsa qualunque imprevisto può succedere e mandare all'aria i piani studiati alla vigilia. A quel punto bisogna soltanto improvvisare. 

Come vedi il tuo futuro professionale?
L'avrei visto meglio in Francia, anche se per la verità, giungono delle notizie inerenti una diminuzione del taglio relativo al montepremi francese per il prossimo anno, che non fa ben sperare nemmeno i cugini d'oltralpe.

Hai mai valutato l'ipotesi di un trasferimento all'estero?
Ho meditato a lungo su questo aspetto. Sono giunto alla conclusione che per effettuare un trasferimento in pianta stabile lontano da casa, serve un grande coraggio. Poi in seconda battuta ma non meno importante, mi dispiacerebbe lasciare la nostra scuderia. 

Vi sono delle somiglianze tra te e tuo padre nella guida?
Siamo piuttosto diversi. Se vogliamo trovare un punto in comune, credo si tratti del modo in cui sosteniamo i cavalli nelle battute conclusive della corsa. In questo siamo piuttosto simili. Poi lui è mancino, io no...ma questa è un'altra storia. 

Sei piu teso quando vedi in pista tuo padre o quando scendi in pista tu?
Indubbiamente quando vedo correre lui. Io una volta entrato in pista, mi concentro e mi racchiudo nella mia concentrazione senza pensare ad altro. 

Sono tante le persone che in questo periodo ti hanno dato e continuano a darti fiducia, concordi?
Sarebbero tante le persone e le scuderie da ringraziare per la fiducia accordatami. Ad essi va il mio più grande ringraziamento. Mi sia concesso però, di esprimere un pensiero particolare ed un "grande grazie", in modo particolare a Fausto Barelli e a tutto il team Rocca, per il modo in cui sono preparati i loro cavalli e la qualità che essi hanno, che riscontro ogni volta che mi ritrovo a guidare un loro effettivo. 

La corsa che vorresti vincere?
Non che vorrei vincere, ma che mi farebbe felice anche soltanto di correre...il Grand Prix d'Amerique. 

In bocca al lupo Simone!  

  



Ultime notizie


28/05/2020

I partenti dell'Etruria Maschi (al 4 Boltigeur Erre) e Femmine (al 9 Bahamia)

di Mario “Amario” Alderici - Dichiarati stamani i partenti (12) dell’Etruria (sabato 30 a Montecatini, la terza volta al Sesana dopo...

28/05/2020

I successi italiani in Europa la scorsa settimana (18/05 - 22/05)

di Mario “Amario” Alderici – Un buon numero di successi la scorsa settimana in Europa. Lunedì 18 successo (il tredicesimo) da...

28/05/2020

Trotto & Turf torna in edicola da martedi' 2 con una nuova proprieta'

Dopo la pausa dovuta alla pandemia con gli ippodromi italiani chiusi, martedì 2 Trotto & Turf torna in edicola con un’edizione di 64 pagine...

28/05/2020

La classifica del Repubblica

Comunicata la classifica del Repubblica (in programma martedì 2 giugno all'Arcoveggio di Bologna) con numeri che saranno sorteggiati venerdì...

28/05/2020

GIOVANI DI GRAN KLASS

Klass I e Klass II in Svezia sono le famigerate categorie intermedie che in Italia sono state scientificamente epurate. Per dare un quadro svedese...

28/05/2020

Giovedi' riparte Castelluccio, Barracuda Jet e Balto nei centrali

di Mario “Amario” Alderici – Riprendono oggi le corse a Castelluccio, le prove a maggior dotazioni saranno le due per i soggetti di 3...

26/05/2020

FINALMENTE SI RIPARTE

Finalmente si riparte. Che emozione cliccare sui partenti e veder apparire il proprio cavallo. E’ stato come tornare al primo puledro allevato...

26/05/2020

IL CLOU DEL SABATO DI SOLVALLA E' FEMMINA

Tecnicamente, in assenza della Sweden Cup e piu' delle stesse Harper, il clou del sabato di Solvalla, degno apripista della domenica dell'Elitlopp...

25/05/2020

INTANTO HA STRAVINTO LUI

E sono tre. Dopo Looking Superb e Chief Orlando al via dell'Elitlopp 2020 ci sara' dunque un terzo erede di Orlando Vici, quel Racing Mange che...

25/05/2020

QUANDO L'IMBATTIBILITA' E' UN VIZIO DI FAMIGLIA

Un gran bel vizietto, non c'e' che dire. Ai 9 successi consecutivi di Ecurie D si aggiungono ora i 2 della sorellastra Fascination, a segno oggi...

24/05/2020

I probabili 16 dell'Elitlopp

di Mario “Amario” Alderici - Con gli inviti di Racing Mange (a segno nella Gulddivisionen in 1.09.7) e di Propulsion (del quale avevamo previsto...

23/05/2020

Gavle, nella Gulddivisionen Final si salva RACING MANGE (1.09.7) e guadagna la cartolina rosa per l'Elitlopp

di Mario “Amario” Alderici – La cartolina rosa per l’Elitlopp è per Racing Mange che è stato stranamente snobbato...

23/05/2020

Un calendario ippico pazzesco

Un calendario ippico pazzesco, a vantaggio di pochi (non noti, perchè non vengono fatti nomi e cognomi) che suggeriscono al Mipaaf stronzate a discapito...

23/05/2020

"Ma quei Filly ..." la lettera di Enrico Tuci alla D.ssa Mastromarino

Ma quei Filly....   Carissima Dott.ssa Mastromarino,   Lei immaginerà certamente l’emozione di oggi nel ritrovare tra...

22/05/2020

A VOLTE RITORNANO

Questa vicenda ricalca, per certi versi, quella del leggendario galoppatore americano Seabiscuit e del suo fantino, Red Pollard. In questo caso i due...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
antonio@asfina.it Privacy Cookies