15/01/2019

MANLIO CAPANNA, il tempo non passa mai per Er Mejo ...

di Mario “Amario” Alderici - I tempi duri stanno facendo disaffezionare tanti appassionati e tanti operatori che preferiscono cercare altre strade. C’è anche però chi da oltre mezzo secolo continua a svegliarsi alle 4 e va dove lo porta il cuore: dai suoi cavalli, li accudisce, li attacca al ghig, gli fa da artiere, da vanista, li porta a correre; all’ora di pranzo uno spuntino veloce, una mozzarella e una mela verde (che tra qualche maligno toscano gli costerà la contestazione “di  braccino corto”), ma in realtà è cioò che serve a conservare una forma e una forza davvero invidiabili.
Stiamo parlando di Manlio Capanna, detto Er Mejo, classe 1941, romano che più romano non si può. Manlio giunse in Toscana agli inizi degli Anni ’70 e lavorò con Ubaldino Baldi. Ben presto però riuscì a mettersi in evidenza in proprio con soggetti Kyra e Tranciati Silea. Di Manlio ciò che si apprezza da subito, oltre all’autentica e sincera adorazione per i suoi cavalli, è il grande senso tattico (difficile vederlo allo scoperto, riesce sempre a prendere posizione utile) e l’arte nel comandarli in corsa nelle battute finali, il frustino più agitato che usato sul cavallo, la gamba che va giù dal sulky. E poi un’energia incredibile nello spingerli a colpi di reni e con la mano sul posteriore verso il successo.

Tantissimi i cavalli nella carriera di Manlio, menzionandone qualcuno facciamo torto ad altri... ma negli appassionati toscani è ancora vivo il ricordo di Dadaumpa, che a fine Anni 70 riuscì a battere la campionessa Siginda e vennero giù le tribune de Le Mulina;  e Count Avondale, nell’85 ricordo il mio tifo da adolescente nel Gran Premio Duomo per Manlio e Count Avondale che sfiorò il successo a grossa quota finendo forte - ma non in tempo, ah che rabbia ancora oggi! - per stampare Blim cogliendo un comunque eccellente posto d’onore. Notevole anche l’aver portato ai successi classici Nemo di Jesolo, con cui Manlio vinse il Città di Torino e il Dante Alighieri a Montecatini, acclamato a gran voce dal suo pubblico.
Peraltro un rapporto quello tra Manlio e il pubblico (e anche con la stampa) non sempre idilliaco, principalmente per due motivi: Manlio è un tipo istrionico, folkloristico, talvolta uno showman, il pubblico toscano è appassionato e vociante. Ci fu una corsa in cui Manlio perse con il favorito e fu fischiato, allora ricordo che per molto tempo il nostro Er Mejo ogni volta che vinceva si girava verso la tribuna facendo un po’ di show, bonariamente polemico, e portandosi mano e frustino all’orecchio strillava “Chi è Er Mejo de tuti? Chi è Er Mejo de tuti?”. Poi negli anni successivi il rapporto si è ricucito, perché Manlio avrà certamente sentito l’autentico affetto, la sincera stima e apprezzamento che noi appassionati toscani della tribuna avevamo e abbiamo per lui.
Da ricordare poi il veloce e regolare Oronte, della Giove Pluvio del compianto Raniero Di Stefano, piazzato (molto spesso secondo) in tante classiche e a segno nell’Inverno di Milano e nel Due Mari di Taranto. L’irruento ma potente Cantor Pf che veniva quasi sempre guidato dal proprietario, il cavalier Pino Monti, ma con cui Manlio si affermò  guidandolo
personalmente nel Città di Treviso. Tanti poi i cavalli che non erano dei crack, ma soggetti con cui Manlio ha vinto un sacco di centrali e tris. A memoria ricordo l’americano Pennwood, Irambo Jet, Aghiresu. In un handicap centrale Aghiresu riuscì a battere Evita Guvijo con Bjorn Lindblom e al rientro nelle scuderie Manlio si inginocchiò a baciare i garretti di Aghiresu. Tanti anche gli allievi che hanno appreso molto da Manlio, uno su tutti l’ottimo Antonio Greppi.
L’unica passione di Manlio oltre ai cavalli sono state le donne, dato che è sempre stato un bell’uomo e di ragazze che si avventuravano nelle scuderie di Firenze ne ha fatte piangere tante, quando le lasciava. Ma il suo affetto femminile principale (oltre alla sorella Maria che ha cresciuto 3 femmine da sola) probabilmente è stata la figlia Eleonora avuta in seconde nozze.
Poco succube dei veterinari a differenza di tanti suoi colleghi (“Ogni cosa deve guarire da sé!”), giubba storica rosa con in grigio il nome dei due fratelli scomparsi Andrea e Rodolfo (tutti driver, come anche l’ottimo Ferruccio, oggi allenatore, una dinastia quella dei Capanna di brave persone ostinate, tenaci, rudi, forti, capaci, coraggiose).

Il tempo non passa mai per Manlio Capanna, uomo incredibile che riesce sempre a stupire, non si stanca mai e non molla mai, e a fine anno (il suo 77esimo) ha fatto impressione come è riuscito nella sua Firenze a salvare il successo di Ultimoprincy che, da leader, sembrava ormai a corto di argomenti già sull’ultima curva. Ma Manlio ha tirato giù la gamba dal sulky e ha iniziato a comandarlo come lui sa fare, colpi di reni e spinte con la mano, sembrava un ragazzino, e sul filo ha spinto Ultimoprincy avanti catapultandolo a toccare di un soffio ancora per primo il palo d’arrivo.
Il tempo non passa mai per questo personaggio straordinario, ha un’energia incredibile nonostante mangi e dorma poco, non si stanca mai, in scuderia non è mai fermo. Lo si trova ad accudire i cavalli, con una scopa in mano a pulire il corridoio, poi via a guidare il van fino all’ippodromo e poi in corsa con il consueto entusiasmo.   
Continua come un giovane con un po’ di rammarico per la chiusura del training in ippodromo, “Ci hanno rovinato da quando hanno chiuso le scuderie negli ippodromi, erano piene di gente dalla mattina, erano la vita, hanno cancellato il trotto, te lo dice Manlio”.
Er Mejo, aggiungiamo noi.



Ultime notizie


27/05/2019

Readly Express prospettive dopo il ritiro alle sgambature della Finale Elitloppet

Secondo il giornale francese Le Parisien Readly Express, ritirato dalla finale dell’Elitloppet ieri per evidente zoppia nelle sgambature, non ha...

27/05/2019

PARTENTI GP Repubblica, se ne va VITRUVIO

di Mario “Amario” Alderici – Dichiarati stamani i partenti del Repubblica per i free for all che ci ricorda che finalmente arriva giugno...

26/05/2019

Dijon, la vecchia conoscenza italiana, ha vinto l'Elitloppet

Dijion, che nel 2017 vinse il Triossi, battendo Ursa Caf, ma quest'inverno fce flop nel Nazioni di Uragano Trebi', ha vinto l'Elitloppet...

26/05/2019

Numeri e partenti della finale Elitloppet. Al betting favorito Readly Express

In testa alle prefernze degli scommetitori c'è Readly Express, ma tallonato da Propulsion, che in batteria ha subito Aubrion du Gers.

26/05/2019

Aubrion du Gers batte Propulsion nella seconda Batteria Elitloppet

Il controfavorito Aubrion du Gers (training dell'onnipresente Bazire) ha battuto il favorito Prpulsion, sebbene al betting i due abbiano chiuso il...

26/05/2019

Il favorito Readly Express nella prima batteria Elitloppet,

La prima batteria è andata al Ready Cash, già favorito della vigiglia, Ready Express. Il vincitore dell'Amérique 2018 ha chiuso...

25/05/2019

Le Batterie dell'Elitloppet, con le genealogia dei partenti e le ultime prestazioni

Nessun italiano nella massima prova scandinava, che lo scorso annoandò a Ringostarr Treb (W. Paal), quando il figlio di Classic Photo della Scarton...

25/05/2019

Sweden Cup alla sorpresa Queer Fish (99 vincente). Arazi è quarto

Dire che gli è venuta male la Finale ad Arazi Boko è poco. Sempre di fuori, poi difficoltà in curva quando il Goccia lo dve portare...

25/05/2019

Arazi Boko terzo in batteria va alla finale della Sweden Cup, che vinse nel 2018

L'inossidabile Arazi Boko è in finale di quella Sweden Cup che lo scorso anno aveva vinto. Alla finale il Varenne nato in Svezia ma italiano...

25/05/2019

ALLEGRA WF di nome e di fatto nel GP Stabile con 600 finali in 42.1

di Mario “Amario” Alderici – Si è risolto in una bella volata di 600 metri in un notevole 42.1 lo Stabile con il successo di Allegra...

24/05/2019

Le Batterie della Sweden Cup, con genealogia, records e somme vinte

Sabato va in scena la Sweden Cup (Gr 1), tre batterie e finale. È la giornta che precede l'Elitloppet, il massimo evento sacandinavo. Solo due...

24/05/2019

Pagella Unione Europea, Face Time battuto da Zacon Gio su curve miracolose

di Mario “Amario” Alderici – Il boato della folla sull’ultima curva fa capire come il pubblico ippico si emozioni ancora quando...

24/05/2019

Confermati Gp Repubblica, Vitruvio all'8

di Mario “Amario” Alderici – Ventotto i confermati al Repubblica di domenica 2 a Bologna con rimasto a uno sfavorevole 8 Vitruvio che...

23/05/2019

Podio tutto Gocciadoro nell'Unione Europea Filly con in vetta Zaniah Bi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Si rivede con piacere in un winner circle italiano Mauro Biasuzzi grazie a Zaniah Bi che vince facile e...

22/05/2019

Cacciari, coast to coast di Audrey Effe, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Cacciari senza storia nel quale Audrey Effe, dopo aver preso il comando, ha portato il cronometro dalla...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies