15/01/2019

MANLIO CAPANNA, il tempo non passa mai per Er Mejo ...

di Mario “Amario” Alderici - I tempi duri stanno facendo disaffezionare tanti appassionati e tanti operatori che preferiscono cercare altre strade. C’è anche però chi da oltre mezzo secolo continua a svegliarsi alle 4 e va dove lo porta il cuore: dai suoi cavalli, li accudisce, li attacca al ghig, gli fa da artiere, da vanista, li porta a correre; all’ora di pranzo uno spuntino veloce, una mozzarella e una mela verde (che tra qualche maligno toscano gli costerà la contestazione “di  braccino corto”), ma in realtà è cioò che serve a conservare una forma e una forza davvero invidiabili.
Stiamo parlando di Manlio Capanna, detto Er Mejo, classe 1941, romano che più romano non si può. Manlio giunse in Toscana agli inizi degli Anni ’70 e lavorò con Ubaldino Baldi. Ben presto però riuscì a mettersi in evidenza in proprio con soggetti Kyra e Tranciati Silea. Di Manlio ciò che si apprezza da subito, oltre all’autentica e sincera adorazione per i suoi cavalli, è il grande senso tattico (difficile vederlo allo scoperto, riesce sempre a prendere posizione utile) e l’arte nel comandarli in corsa nelle battute finali, il frustino più agitato che usato sul cavallo, la gamba che va giù dal sulky. E poi un’energia incredibile nello spingerli a colpi di reni e con la mano sul posteriore verso il successo.

Tantissimi i cavalli nella carriera di Manlio, menzionandone qualcuno facciamo torto ad altri... ma negli appassionati toscani è ancora vivo il ricordo di Dadaumpa, che a fine Anni 70 riuscì a battere la campionessa Siginda e vennero giù le tribune de Le Mulina;  e Count Avondale, nell’85 ricordo il mio tifo da adolescente nel Gran Premio Duomo per Manlio e Count Avondale che sfiorò il successo a grossa quota finendo forte - ma non in tempo, ah che rabbia ancora oggi! - per stampare Blim cogliendo un comunque eccellente posto d’onore. Notevole anche l’aver portato ai successi classici Nemo di Jesolo, con cui Manlio vinse il Città di Torino e il Dante Alighieri a Montecatini, acclamato a gran voce dal suo pubblico.
Peraltro un rapporto quello tra Manlio e il pubblico (e anche con la stampa) non sempre idilliaco, principalmente per due motivi: Manlio è un tipo istrionico, folkloristico, talvolta uno showman, il pubblico toscano è appassionato e vociante. Ci fu una corsa in cui Manlio perse con il favorito e fu fischiato, allora ricordo che per molto tempo il nostro Er Mejo ogni volta che vinceva si girava verso la tribuna facendo un po’ di show, bonariamente polemico, e portandosi mano e frustino all’orecchio strillava “Chi è Er Mejo de tuti? Chi è Er Mejo de tuti?”. Poi negli anni successivi il rapporto si è ricucito, perché Manlio avrà certamente sentito l’autentico affetto, la sincera stima e apprezzamento che noi appassionati toscani della tribuna avevamo e abbiamo per lui.
Da ricordare poi il veloce e regolare Oronte, della Giove Pluvio del compianto Raniero Di Stefano, piazzato (molto spesso secondo) in tante classiche e a segno nell’Inverno di Milano e nel Due Mari di Taranto. L’irruento ma potente Cantor Pf che veniva quasi sempre guidato dal proprietario, il cavalier Pino Monti, ma con cui Manlio si affermò  guidandolo
personalmente nel Città di Treviso. Tanti poi i cavalli che non erano dei crack, ma soggetti con cui Manlio ha vinto un sacco di centrali e tris. A memoria ricordo l’americano Pennwood, Irambo Jet, Aghiresu. In un handicap centrale Aghiresu riuscì a battere Evita Guvijo con Bjorn Lindblom e al rientro nelle scuderie Manlio si inginocchiò a baciare i garretti di Aghiresu. Tanti anche gli allievi che hanno appreso molto da Manlio, uno su tutti l’ottimo Antonio Greppi.
L’unica passione di Manlio oltre ai cavalli sono state le donne, dato che è sempre stato un bell’uomo e di ragazze che si avventuravano nelle scuderie di Firenze ne ha fatte piangere tante, quando le lasciava. Ma il suo affetto femminile principale (oltre alla sorella Maria che ha cresciuto 3 femmine da sola) probabilmente è stata la figlia Eleonora avuta in seconde nozze.
Poco succube dei veterinari a differenza di tanti suoi colleghi (“Ogni cosa deve guarire da sé!”), giubba storica rosa con in grigio il nome dei due fratelli scomparsi Andrea e Rodolfo (tutti driver, come anche l’ottimo Ferruccio, oggi allenatore, una dinastia quella dei Capanna di brave persone ostinate, tenaci, rudi, forti, capaci, coraggiose).

Il tempo non passa mai per Manlio Capanna, uomo incredibile che riesce sempre a stupire, non si stanca mai e non molla mai, e a fine anno (il suo 77esimo) ha fatto impressione come è riuscito nella sua Firenze a salvare il successo di Ultimoprincy che, da leader, sembrava ormai a corto di argomenti già sull’ultima curva. Ma Manlio ha tirato giù la gamba dal sulky e ha iniziato a comandarlo come lui sa fare, colpi di reni e spinte con la mano, sembrava un ragazzino, e sul filo ha spinto Ultimoprincy avanti catapultandolo a toccare di un soffio ancora per primo il palo d’arrivo.
Il tempo non passa mai per questo personaggio straordinario, ha un’energia incredibile nonostante mangi e dorma poco, non si stanca mai, in scuderia non è mai fermo. Lo si trova ad accudire i cavalli, con una scopa in mano a pulire il corridoio, poi via a guidare il van fino all’ippodromo e poi in corsa con il consueto entusiasmo.   
Continua come un giovane con un po’ di rammarico per la chiusura del training in ippodromo, “Ci hanno rovinato da quando hanno chiuso le scuderie negli ippodromi, erano piene di gente dalla mattina, erano la vita, hanno cancellato il trotto, te lo dice Manlio”.
Er Mejo, aggiungiamo noi.



Ultime notizie


22/03/2019

26 i confermati nell'Italia (26 anche i non confermati)

di Mario “Amario” Alderici – Sono 26 i confermati al Gran Premio Italia in programma a Bologna domenica 31, secondo appuntamento di vertice...

22/03/2019

Jegher, PEACE OF MIND e ATTACK DIABLO coalizione dura da battere

di Mario “Amario” Alderici – Jegher domenica a Trieste che vede ai primi due numeri i rientri del duo di Leonardo Cecchi formato da Peace...

21/03/2019

Alessandra Vigliani, la Vet dei Derby. L'abbiamo costretta a raccontarsi

iIntervista di Filippo Lago - Alessandra Vigliani, per tutti (o quasi) “La Dottoressa”, racchiude in se stessa l'ippica a 360 gradi. Proprietaria...

20/03/2019

Etruria, Ayrton Treb e Aida Francis i nomi nuovi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Il primo gran premio della stagione per i 3 anni è di Ayrton Treb, bel cavallo muscoloso allenato...

19/03/2019

I 49 NUMERI del GP Italia

Ecco i 49 numeri del GP Italia Ippodromo di Bologna - Data: 31/03/2019 GP ITALIA (GR.3)     Distanza: 1660 ...

18/03/2019

In 7 per il GP Jegher, all'1 Peace Of Mind

di Mario “Amario” Alderici – Circuito dei free for all anziani che in attesa dei gruppo 1 primaverili propone domenica 24 il gran premio...

17/03/2019

Etruria, continua la crescita di AYRTON TREB che va davanti e non si prende

di Mario “Amario” Alderici – Continua con la vittoria nel 74esimo Etruria l’ascesa del bellissimo e muscoloso Ayrton Treb (ingiustamente...

14/03/2019

Promozione Allevamento per Le Touquet con il Centrale di Torino

Ottima idea promozionale quella di Alessandra Vigliani, tra le più note veterinarie della nostra ippica sia nel Trotto sia nel Galoppo, che ha messo...

14/03/2019

Etruria, con ANANAS JET che può sfruttare la posizione, il prono di Amario

di Mario "Amario" Alderici - Inizia come di consueto con lo storico Etruria (domenica 10 a Firenze) il cammino classico dei 3 anni sulla strada...

13/03/2019

Padovanelle, la classe di ARAZI BOKO, la pagella di Amario

di Mario "Amario" Alderici - Legge Fornero e quota 100 non interessano al dodicenne Arazi Boko che al rientro (con un po’ di...

12/03/2019

EXPLOIT CAF non dà solo femmine: guardate le V. Lo dice Raffaele Lenzi

Intervista di Filippo Lago e Alessandro Ferrario - Exploit Caf è stato per molti uno dei più forti trottatori dell’ultimo ventennio....

11/03/2019

Città di Padova a ZABUL FI con un grande speed. La Pagella di Filippo Lago

di Filippo Lago - Nei giorni scorsi ci siamo sbilanciati nel pronosticare la vittoria di Zabul Fi nel Gran Premio Città di Padova. La realtà...

11/03/2019

I partenti dell'Etruria, al 2 il recorder ANANAS JET con Bellei

di Mario “Amario” Alderici - Dichiarati stamani i partenti (10) dell’Etruria (domenica 10 a Firenze), tradizionalmente il primo appuntamento...

10/03/2019

Padovanelle, la classe del vecchio ARAZI BOKO al rientro a 12 anni

di Mario “Amario” Alderici – Capita raramente di vedere un dodicenne vincere una corsa di gruppo, oltretutto al rientro; è riuscito...

10/03/2019

Nel Città di Padova il ritorno di ZABUL FI (1.12)

di Mario “Amario“ Alderici – Si è finalmente rivisto, dopo il rientro incolore, il miglior Zabul Fi, a segno nel Città...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies