03/03/2019

Thomas Manfredini: arrivederci! Le ragioni di un (quasi) addio del Gd ex calciatore

Thomas Mnfredini in sulky Ulissemar

Intervista di Filippo Lago  - L'ippica è da sempre capace di attrarre personaggi della cultura, dello sport e dello spettacolo. È il caso anche di Thomas Manfredini, 39 anni, che il mondo del calcio lo conosce bene grazie a una intensa carriera di calciatore professionista, che negli anni lo ha visto approdare come difensore a importanti squadre (Sassuolo, Atalanta e Genoa), nonché vestire la maglia della Nazionale Under 20.  Nel mondo del cavallo da corsa, nel Trotto in particolare, Thomas, ritiratosi nel 2016 dal calcio ma da qualche tempo toranato ad essere titolare ne La Fiorita (la squadra di San Marino), ha sempre più allargato i suoi orizzonti ippici calandosi non soltanto nella veste di proprietario, ma anche in quella di gentleman driver ed allevatore. Una passione che tuttavia, si sta spegnendo.

Thomas, come sei entrato nel mondo dell'ippica?
Ho iniziato fin da piccolo a instaurare un rapporto privilegiato con il cavallo. Montavo a sella e al tempo stesso frequentavo l'ippodromo di Ferrara. Cosi mi diedi un obiettivo: appena avrei avuto la possibilità, avrei acquistato un cavallo da corsa. A 19 anni comprai la mia prima cavalla. Si chiamava Veravia, aveva un carattere piuttosto particolare ma fu lei a darmi le prime gratificazioni.

Quali sono state le maggiori soddisfazioni "ippiche"?
Ogni anno ho acquistato puledri alle aste senza mai aver avuto molta fortuna. Tuttavia mi sono levato belle soddisfazioni, in particolar modo la mia prima vittoria in una corsa gentleman in sulky ad Immanuel Kant.

 

Thomas Manfredini

Proprietario, amatore e allevatore. Tanta roba...
Ho avuto modo di vivere l'ippica in tutte le sue sfumature. Essere proprietario e gentleman driver significa vivere l'adrenalina che solo una corsa di cavalli sa trasmettere. Una sensazione simile ebbi modo di viverla solo nel calcio. Essere allevatore invece vuol dire vivere in pieno la vita di un cavallo. Dalla nascita alla carriera agonistica. 

Ora però hai ridotto il tuo impegno nell'ippica. Perché?
Dici bene. Ho venduto praticamente tutto ad eccezione di Ulissemar che sta recuperando da un infortunio. Ho preso questa decisione, vendendo anche le fattrici che avevo in società con la scuderia Wise H e l'allevamento della Serenissima. Il motivo è semplice:  l’ippica di oggi non mi appartiene più. La mia priorità era guidare in corsa, divertendomi, ma con la programmazione attuale è impossibile. Avrei avuto piacere di guidare i miei cavalli, ma ad oggi la maggior parte delle corse riservate ai gentleman non consente di aver programma ai cavalli di fascia medio-alta. 

Cosa servirebbe all'ippica per tornare ad affascinare gente nuova?
Innanzitutto un ricambio generazionale. In secondo luogo una adeguata promozione

Cosa consiglieresti a una persona che desidera intraprendere una "avventura ippica”? E cosa sconsiglieresti?
Consiglio di investire perché avere un cavallo da corsa significa credere in un sogno che nessuno ha il potere di spegnere. D'altro canto è necessario valutare attentamente ogni aspetto. Soprattutto valutare le spese in confronto alle entrate, che sono a dir poco ipotetiche. Parliamoci chiaramente, fino a qualche tempo fa con un cavallo mediocre eri al sicuro, ora, con i premi attuali, non è più cosi.

Hai mai provato a coinvolgere nella tua esperienza ippica alcuni tuoi colleghi?
Molte volte quando scendevo in pista i miei compagni venivano a vedermi oppure mi seguivano in televisione. E' un ambiente che ha grandi potenzialità e se ben gestito potrebbe  attrarre. Invece…

Per chiudere, si tratta di un addio (comunque ancora parziale) o di un arrivederci? 
Dai, la passione rimane, perciò è un arrivederci. 

  

  



Ultime notizie


22/03/2019

26 i confermati nell'Italia (26 anche i non confermati)

di Mario “Amario” Alderici – Sono 26 i confermati al Gran Premio Italia in programma a Bologna domenica 31, secondo appuntamento di vertice...

22/03/2019

Jegher, PEACE OF MIND e ATTACK DIABLO coalizione dura da battere

di Mario “Amario” Alderici – Jegher domenica a Trieste che vede ai primi due numeri i rientri del duo di Leonardo Cecchi formato da Peace...

21/03/2019

Alessandra Vigliani, la Vet dei Derby. L'abbiamo costretta a raccontarsi

iIntervista di Filippo Lago - Alessandra Vigliani, per tutti (o quasi) “La Dottoressa”, racchiude in se stessa l'ippica a 360 gradi. Proprietaria...

20/03/2019

Etruria, Ayrton Treb e Aida Francis i nomi nuovi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Il primo gran premio della stagione per i 3 anni è di Ayrton Treb, bel cavallo muscoloso allenato...

19/03/2019

I 49 NUMERI del GP Italia

Ecco i 49 numeri del GP Italia Ippodromo di Bologna - Data: 31/03/2019 GP ITALIA (GR.3)     Distanza: 1660 ...

18/03/2019

In 7 per il GP Jegher, all'1 Peace Of Mind

di Mario “Amario” Alderici – Circuito dei free for all anziani che in attesa dei gruppo 1 primaverili propone domenica 24 il gran premio...

17/03/2019

Etruria, continua la crescita di AYRTON TREB che va davanti e non si prende

di Mario “Amario” Alderici – Continua con la vittoria nel 74esimo Etruria l’ascesa del bellissimo e muscoloso Ayrton Treb (ingiustamente...

14/03/2019

Promozione Allevamento per Le Touquet con il Centrale di Torino

Ottima idea promozionale quella di Alessandra Vigliani, tra le più note veterinarie della nostra ippica sia nel Trotto sia nel Galoppo, che ha messo...

14/03/2019

Etruria, con ANANAS JET che può sfruttare la posizione, il prono di Amario

di Mario "Amario" Alderici - Inizia come di consueto con lo storico Etruria (domenica 10 a Firenze) il cammino classico dei 3 anni sulla strada...

13/03/2019

Padovanelle, la classe di ARAZI BOKO, la pagella di Amario

di Mario "Amario" Alderici - Legge Fornero e quota 100 non interessano al dodicenne Arazi Boko che al rientro (con un po’ di...

12/03/2019

EXPLOIT CAF non dà solo femmine: guardate le V. Lo dice Raffaele Lenzi

Intervista di Filippo Lago e Alessandro Ferrario - Exploit Caf è stato per molti uno dei più forti trottatori dell’ultimo ventennio....

11/03/2019

Città di Padova a ZABUL FI con un grande speed. La Pagella di Filippo Lago

di Filippo Lago - Nei giorni scorsi ci siamo sbilanciati nel pronosticare la vittoria di Zabul Fi nel Gran Premio Città di Padova. La realtà...

11/03/2019

I partenti dell'Etruria, al 2 il recorder ANANAS JET con Bellei

di Mario “Amario” Alderici - Dichiarati stamani i partenti (10) dell’Etruria (domenica 10 a Firenze), tradizionalmente il primo appuntamento...

10/03/2019

Padovanelle, la classe del vecchio ARAZI BOKO al rientro a 12 anni

di Mario “Amario” Alderici – Capita raramente di vedere un dodicenne vincere una corsa di gruppo, oltretutto al rientro; è riuscito...

10/03/2019

Nel Città di Padova il ritorno di ZABUL FI (1.12)

di Mario “Amario“ Alderici – Si è finalmente rivisto, dopo il rientro incolore, il miglior Zabul Fi, a segno nel Città...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies