03/03/2019

Thomas Manfredini: arrivederci! Le ragioni di un (quasi) addio del Gd ex calciatore

Thomas Manfredini in sulky Ulissemar

Intervista di Filippo Lago  - L'ippica è da sempre capace di attrarre personaggi della cultura, dello sport e dello spettacolo. È il caso anche di Thomas Manfredini, 39 anni, che il mondo del calcio lo conosce bene grazie a una intensa carriera di calciatore professionista, che negli anni lo ha visto approdare come difensore a importanti squadre (Sassuolo, Atalanta e Genoa), nonché vestire la maglia della Nazionale Under 20.  Nel mondo del cavallo da corsa, nel Trotto in particolare, Thomas, ritiratosi nel 2016 dal calcio ma da qualche tempo toranato ad essere titolare ne La Fiorita (la squadra di San Marino), ha sempre più allargato i suoi orizzonti ippici calandosi non soltanto nella veste di proprietario, ma anche in quella di gentleman driver ed allevatore. Una passione che tuttavia, si sta spegnendo.

Thomas, come sei entrato nel mondo dell'ippica?
Ho iniziato fin da piccolo a instaurare un rapporto privilegiato con il cavallo. Montavo a sella e al tempo stesso frequentavo l'ippodromo di Ferrara. Cosi mi diedi un obiettivo: appena avrei avuto la possibilità, avrei acquistato un cavallo da corsa. A 19 anni comprai la mia prima cavalla. Si chiamava Veravia, aveva un carattere piuttosto particolare ma fu lei a darmi le prime gratificazioni.

Quali sono state le maggiori soddisfazioni "ippiche"?
Ogni anno ho acquistato puledri alle aste senza mai aver avuto molta fortuna. Tuttavia mi sono levato belle soddisfazioni, in particolar modo la mia prima vittoria in una corsa gentleman in sulky ad Immanuel Kant.

 

Thomas Manfredini

Proprietario, amatore e allevatore. Tanta roba...
Ho avuto modo di vivere l'ippica in tutte le sue sfumature. Essere proprietario e gentleman driver significa vivere l'adrenalina che solo una corsa di cavalli sa trasmettere. Una sensazione simile ebbi modo di viverla solo nel calcio. Essere allevatore invece vuol dire vivere in pieno la vita di un cavallo. Dalla nascita alla carriera agonistica. 

Ora però hai ridotto il tuo impegno nell'ippica. Perché?
Dici bene. Ho venduto praticamente tutto ad eccezione di Ulissemar che sta recuperando da un infortunio. Ho preso questa decisione, vendendo anche le fattrici che avevo in società con la scuderia Wise H e l'allevamento della Serenissima. Il motivo è semplice:  l’ippica di oggi non mi appartiene più. La mia priorità era guidare in corsa, divertendomi, ma con la programmazione attuale è impossibile. Avrei avuto piacere di guidare i miei cavalli, ma ad oggi la maggior parte delle corse riservate ai gentleman non consente di aver programma ai cavalli di fascia medio-alta. 

Cosa servirebbe all'ippica per tornare ad affascinare gente nuova?
Innanzitutto un ricambio generazionale. In secondo luogo una adeguata promozione

Cosa consiglieresti a una persona che desidera intraprendere una "avventura ippica”? E cosa sconsiglieresti?
Consiglio di investire perché avere un cavallo da corsa significa credere in un sogno che nessuno ha il potere di spegnere. D'altro canto è necessario valutare attentamente ogni aspetto. Soprattutto valutare le spese in confronto alle entrate, che sono a dir poco ipotetiche. Parliamoci chiaramente, fino a qualche tempo fa con un cavallo mediocre eri al sicuro, ora, con i premi attuali, non è più cosi.

Hai mai provato a coinvolgere nella tua esperienza ippica alcuni tuoi colleghi?
Molte volte quando scendevo in pista i miei compagni venivano a vedermi oppure mi seguivano in televisione. E' un ambiente che ha grandi potenzialità e se ben gestito potrebbe  attrarre. Invece…

Per chiudere, si tratta di un addio (comunque ancora parziale) o di un arrivederci? 
Dai, la passione rimane, perciò è un arrivederci. 

  

  



Ultime notizie


27/05/2019

Readly Express prospettive dopo il ritiro alle sgambature della Finale Elitloppet

Secondo il giornale francese Le Parisien Readly Express, ritirato dalla finale dell’Elitloppet ieri per evidente zoppia nelle sgambature, non ha...

27/05/2019

PARTENTI GP Repubblica, se ne va VITRUVIO

di Mario “Amario” Alderici – Dichiarati stamani i partenti del Repubblica per i free for all che ci ricorda che finalmente arriva giugno...

26/05/2019

Dijon, la vecchia conoscenza italiana, ha vinto l'Elitloppet

Dijion, che nel 2017 vinse il Triossi, battendo Ursa Caf, ma quest'inverno fce flop nel Nazioni di Uragano Trebi', ha vinto l'Elitloppet...

26/05/2019

Numeri e partenti della finale Elitloppet. Al betting favorito Readly Express

In testa alle prefernze degli scommetitori c'è Readly Express, ma tallonato da Propulsion, che in batteria ha subito Aubrion du Gers.

26/05/2019

Aubrion du Gers batte Propulsion nella seconda Batteria Elitloppet

Il controfavorito Aubrion du Gers (training dell'onnipresente Bazire) ha battuto il favorito Prpulsion, sebbene al betting i due abbiano chiuso il...

26/05/2019

Il favorito Readly Express nella prima batteria Elitloppet,

La prima batteria è andata al Ready Cash, già favorito della vigiglia, Ready Express. Il vincitore dell'Amérique 2018 ha chiuso...

25/05/2019

Le Batterie dell'Elitloppet, con le genealogia dei partenti e le ultime prestazioni

Nessun italiano nella massima prova scandinava, che lo scorso annoandò a Ringostarr Treb (W. Paal), quando il figlio di Classic Photo della Scarton...

25/05/2019

Sweden Cup alla sorpresa Queer Fish (99 vincente). Arazi è quarto

Dire che gli è venuta male la Finale ad Arazi Boko è poco. Sempre di fuori, poi difficoltà in curva quando il Goccia lo dve portare...

25/05/2019

Arazi Boko terzo in batteria va alla finale della Sweden Cup, che vinse nel 2018

L'inossidabile Arazi Boko è in finale di quella Sweden Cup che lo scorso anno aveva vinto. Alla finale il Varenne nato in Svezia ma italiano...

25/05/2019

ALLEGRA WF di nome e di fatto nel GP Stabile con 600 finali in 42.1

di Mario “Amario” Alderici – Si è risolto in una bella volata di 600 metri in un notevole 42.1 lo Stabile con il successo di Allegra...

24/05/2019

Le Batterie della Sweden Cup, con genealogia, records e somme vinte

Sabato va in scena la Sweden Cup (Gr 1), tre batterie e finale. È la giornta che precede l'Elitloppet, il massimo evento sacandinavo. Solo due...

24/05/2019

Pagella Unione Europea, Face Time battuto da Zacon Gio su curve miracolose

di Mario “Amario” Alderici – Il boato della folla sull’ultima curva fa capire come il pubblico ippico si emozioni ancora quando...

24/05/2019

Confermati Gp Repubblica, Vitruvio all'8

di Mario “Amario” Alderici – Ventotto i confermati al Repubblica di domenica 2 a Bologna con rimasto a uno sfavorevole 8 Vitruvio che...

23/05/2019

Podio tutto Gocciadoro nell'Unione Europea Filly con in vetta Zaniah Bi, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Si rivede con piacere in un winner circle italiano Mauro Biasuzzi grazie a Zaniah Bi che vince facile e...

22/05/2019

Cacciari, coast to coast di Audrey Effe, la pagella di Amario

di Mario “Amario” Alderici – Cacciari senza storia nel quale Audrey Effe, dopo aver preso il comando, ha portato il cronometro dalla...



Nad al Sheba S.r.l., Sede Legale Via Dolfin, 4/A - 20155 Milano
CF/P.Iva 07639910962 Cap. Soc. 10.000 € Iscrizione Rea di Milano N. 1973376
info@vendopuledri.it Privacy Cookies